Anche il nostro Osservatorio partecipa alla splendida iniziativa del Festival della vita nascente di sabato 27 marzo 2021! Questo il nostro saluto.

Cari Amici,

l’Osservatorio parlamentare “Vera lex?” è una piccola compagnia nata nelle aule parlamentari durante la scorsa legislatura, corroborata soprattutto dalla battaglia sulla DAT. Persa pesantemente ai numeri del voto, ma vinta per il legame che si è creato in una amicizia cristiana, che ha capito come ci sia una sfida nelle leggi che passano: una sfida antropologica. E che ci ha aiutato a prendere sul serio il monito di Papa Francesco ai Vescovi italiani il 10 novembre 2015: “Non viviamo un’epoca di cambiamento, ma un cambiamento d’epoca”.
Molte scelte legislative dei tempi più recenti si possono comprendere proprio come epifenomeno di quel cambiamento culturale radicale evocato da Papa Francesco.
Una norma sta alla antropologia che la consente, come la punta di un iceberg sta alla massa di ghiaccio che la sostiene. Benché, come la cultura, non si veda, né ci si accorga della sua importanza.
La scelta legislativa discende sempre da una opzione ideale o ideologica, perché ogni disposizione normativa ha un rapporto con un giudizio di valore sull’uomo, e, quindi, sulla società.
In questa prospettiva, l’esperienza parlamentare (ci) ha indicato che sono almeno due i modelli antropologici alternativi che alimentano legislazioni radicalmente differenti:
1) l’uomo è “individuo”, misura autoreferenziale del reale, del tutto solo, che non sa comunicare con l’altro da sé e che non avrebbe bisogno di una comunità cui appartenere OPPURE
2) l’uomo è “persona”, strutturalmente alla ricerca di un compimento esterno a sé, dunque in sé dialogante e sociale.
Quale è la prospettiva antropologica più corrispondente all’umano, più “vera”?
In questo contesto normativo e sociale, in cui sempre più il “potere” cerca di imporre un modello “triste” di uomo, il Festival della Vita Nascente è una straordinaria occasione, per tutti, di alzare lo sguardo. Il Festival mostra all’Italia la bellezza della vita donata, della vita come Segno dell’Amore a ciascuno di noi che un Altro ci porta e che riviviamo in ogni “piccolo” che si affaccia all’esistenza, consentendoci di commuoverci e ri-commuoversi per ogni istante di vita che, ora, istante per istante, ci viene regalata.
Aderiamo perciò con entusiasmo alla giornata proposta per il Festival della Vita Nascente, perché sia la modalità di uno sguardo nuovo in tutto le circostanze e, dunque, persino per ripensare le leve sociali e normative.

Domenico Menorello, Osservatorio parlamentare “Vera lex?”

E qui il link del FESTIVAL!

Home Giornata Vita Nascente con blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *